Dittinna

Fernanda Facciolli
Linea, figura e simbolo
Vai ai contenuti
Burano, 2-30/10/2016. In omaggio a Paolo Rizzi, mostra di artisti contemporanei nella ex scuola Galuppi. F. Facciolli era presente con quattro opere in grafo-pittura ad olio e acrilico su tela.
F.Facciolli, "Con Pausania sulle tracce di Esiodo", Edizioni Marcianum Press, Venezia 2014, vers. italiana, inglese e greca, cm. 24x28, 151 pagine, 70 riproduzioni in b/n e 53 a colori. Uno studio etimologico ed emblematico che rivela le origini del mito greco in Tebaide, incontrandovi gli "spiriti" della Natura che hanno evocato, negli antichi popoli ellenici, il culto e il rispetto per la Madre Terra e per i suoi doni.
Nell'estate 2016 ha avuto luogo, al Dictynneion di Venezia, la personale di F.Facciolli: "Divinità della Rinascita". La pittrice vi ha presentato una recente produzione di opere grafico-pittoriche in continuità con la ricerca emblematica del mito preclassico, un mito che anticipa e prelude l'avvento del pantheon olimpico.
Acque, Luna e Cielo
Attraverso il mito
Arte e artifici
Tra idealità e storia
I viaggi di Kore
Cercando le origini
Le divinità matriarcali in mostra a Corfù
Mostra di pittura di Fernanda Facciolli "Viaggio nel tempo con le divinità del cielo e delle montagne", dall'11 Aprile all'11 maggio 2018, alla Pinacoteca Corfu Art Gallery, odos I. Theotoki, 77, Corfù. email: info@corfuartgallery.com sito: /www.corfuartgallery.com
Inaugurazione Mercoledì 11/4/2018 alle ore 20.
Secondo incontro con intervento della dott. Fiori Metallinou, astronoma, Domenica 22/4/2018 alle ore 20.
Fernanda Facciolli espone una serie di dipinti ad acrilico su tela e a mordente su carta dedicati alle divinità meno note della Beozia e alle Dee Madri dell'antica isola di Corfù.
Sul manifesto della mostra campeggia l'interpretazione dell'espositrice della dea forse più famosa dell'isola, la Gorgone  Medusa, che però, in accordo al suo culto originario, non è qui un mostro orrendo che pietrifica con il solo sguardo, bensì una dea Madre che teneramente abbraccia i suoi figli.
F.Facciolli
“I cinque figli di Alcìnoo”, pastelli e mordente su carta, cm. 76x56, 2017.
The five sons of Alcinous, pastels and mordent on paper, 76x56 cm, 2017.
Iside alata a Jesolo Lido
E' attualmente esposta, in una sala del piano terra, nella mostra "Egitto. Dei, faraoni, uomini" a Jesolo Lido, Spazio Aquileia 123, la tela di F. Facciolli "La dea Iside e il suo trono al centro del cielo". La mostra, curata da Donatella Avanzo, rimarrà aperta al pubblico tutti i venerdì, sabato, domenica e festività (nel resto della settimana solo per scuole e gruppi con prenotazione) fino al 15 Settembre 2018.
F.Facciolli
"La dea Iside e il suo trono al centro del cielo", 2018
Acrilico su tela, cm.150x100
In libreria "Il regno celeste di Medusa"
E' stato editato nel 2017 dalla Editions Image di Corfù - Grecia il volume bilingue inglese/greco: F.Facciolli, Medusa's Celestial Kingdom / Το Ουρανιο Βασιλειο της Μεδουσας, cm. 24x30, 111 pagine e 17 riproduzioni a colori delle opere. Il libro é stato stampato in occasione della mostra "La Medusa, La Sfinge e altre Dee Madri", tenutasi a Corfù alla Fortezza Vecchia dal 4 Agosto al 10 settembre 2017, sotto il patrocinio del Ministero Greco allo Sport e alla Cultura.
Il volume è acquistabile da Editions Image, Tenédou 8, 49100 Kèrkyra - Grecia, email imagekerkyra@gmail.com.
Nel volume sono riprodotti i sette mordenti su carta di F. Facciolli e i dieci mordenti su carta di Emmet, ispirati per l'occasione alle divinità matriarcali dell'antica Kérkyra, accompagnati da saggi esplicativi dei loro significati, a cura di Fernanda Facciolli.

Divinità ancestrali di Tebe e di Corcira al Paleo Frurio di Corfù
Dal 4 agosto al 10 settembre 2017 ha avuto luogo la doppia personale di Facciolli-Emmet.
F.Facciolli ha esposto 30 opere nella Cappella Latina, Emmet ha esposto 14 opere nella chiesa di San Giorgio. Il tema della mostra ha posto a confronto il mondo religioso preistorico della Beozia con quello dell'isola dei Feaci, che tradizionalmente si individua con l'isola di Corfù, ovvero somiglianze, affinità e differenze tra le divinità della natura da una parte e delle divinità del cielo dall'altra.
Le tesi dei due artisti sono state pubblicate nel volume F.Facciolli, Medusa's Celestial Kingdom / Το Ουρανιο Βασιλειο της Μεδουσας, Corfù, Editions Image, 2017 presentato in apertura della in mostra.
L'esposizione si è protratta fino al 10 ottobre 2017.
L'evento ha avuto il patrocinio del Ministero Greco dello Sport e della Cultura, Sovraintendente Diamado Rigakou, curatrice Maria Melenti e coordinatore Eugenio Rarakos.
F. Facciolli
La Sfinge di Tebe, 2013
acrilico su tela, cm.150x100
F.Facciolli
Medea, Giasone e i serpenti celesti, 2017
Mordente su carta, cm.76x56
Torna ai contenuti