Dittinna

Vai ai contenuti

Menu principale:

La polifonia del segno
Fernanda Facciolli, Talamos in blu, 2009, olio e acrilico su tela, cm.100x70
Fernanda Facciolli, Talamos in blu, 2009, olio e acrilico su tela, cm.100x70
Estate 2016 al Dictynneion
F.Facciolli, Arinna, 2010.
Viaggio alla scoperta dei culti legati
alla Dea Madre mediterranea
con Fernanda Facciolli

di Francesca Bianchi
___________________
__________________
__________________
__________________
RIALTO NOVA: CUORE E GENESI DI UNA CITTA’
Una ipotesi  ricostruttiva di Fernanda Facciolli.
In occasione della mostra di Emmet “Accenti Veneziani”,
Il Dictynneion Studio d’Arte, Venezia, 21 Giugno 2016 alle ore 18.

Le origini di Venezia si perdono nelle nebbie del tempo, ma ormai sappiamo per certo che il nucleo più antico della futura Venezia si trovava a cavallo dell’ansa più interna del Canal Grande, a Est e ad Ovest del futuro Ponte di Rialto.
Il mito in Grecia
Stinfalia, in Arcadia, nasconde il segreto del mito degli Uccelli Stinfalidi che Eracle, in una delle sue celebri fatiche, sconfisse, imponendo il suo culto alle genti di Stinfalia. Eccone ora svelato il probabile significato originario.
Il mito in Grecia
La strepitosa statua di culto all'origine di innumerevoli e poco convincenti interpretazioni, trova ora una nuova, semplice spiegazione.
Il mito in Grecia
Diana, nella doppia veste di Artemide Dittinna, dea lunare della prosperità e della fertilità, viene ora nuovamente acclamata dai suoi lungimiranti devoti quale ninfa delle acque e della vita.
Il mito in Grecia
I santuari preclassici erano luoghi sacri in cui si onorava la natura, ambienti speciali come montagne, boschi, fonti e fiumi. I tre Dictynneion greci, segnalati da Pausania, non sono facilmente individuabili perchè mai monumentalizzati. Il Dictynneion sul promontorio della baia di Vathy è uno di questi, un luogo rimasto intatto e ancora impregnato di quel religioso e sconfinato silenzio per il quale i minoici lo avevano eletto a residenza di Dittinna.
 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu